Il giorno dell’ottimizzazione

Ed è arrivato giovedì 29 novembre, giorno dell’ufficializzazione della nostra nuova soluzione di ottimizzazione del portafoglio e nata in virtù di una partnership con Greta Associati, network di professionisti dell’econometria finanziaria.

Proprio Greta ha aperto l’evento nella figura di Massimiliano Caporin, Ordinario di Statistica Economica presso l’università di Padova, che ha mostrato gli aspetti più interessanti (nonché accessibili a un pubblico di estrazione non scientifica) degli studi matematici ed econometrici su cui si basa un moderno Portfolio Optimizer.

Portfolio Optimiser che il nostro Senior Business Consultant Marco Migliorin ha presentato nelle sue caratteristiche rilevanti per l’utente finale e per le funzionalità: una soluzione facilmente configurabile e integrabile in qualsiasi infrastruttura.

Ottimizzazione alla prova

Ma conta anche la sostanza e Marco ha mostrato gli effetti dell’ottimizzazione su un campione di oltre centocinquanta portafogli reali di un cliente Objectway, con risultati evidenti come una Sharpe Ratio migliorata di sei volte rispetto ai portafogli non ottimizzati nell’elaborazione ex ante e un guadagno di 40 basis point, approssimativamente il dieci percento del totale, al termine dell’elaborazione ex post, simulando l’andamento dei portafogli stessi durante gli ultimi nove mesi del 2018.

Certo che fare tutto questo nel tempo complessivo di… cinque secondi non è un risultato alla portata di qualsiasi soluzione. Dietro le quinte deve esserci una infrastruttura capace di offrire flessibilità e potenza quando serve, risparmiando invece le risorse – e limitando i costi – quando è sufficiente un calcolo solo parzialmente in tempo reale o addirittura offline.

Obliqua uguale infinita

I particolari a questo riguardo li ha forniti Lorenzo Pagnin, Chief Techical Officer Objectway, che ha spiegato come sfruttare le tecnologie più avanzate di oggi per arrivare a una scalabilità obliqua, sia orizzontale sulla quantità di risorse sia verticale nella loro intensità di utilizzo, che offre di fatto al cliente una scalabilità infinita; termine evidentemente teorico che però evidenzia il vantaggio fondamentale offerto al cliente, la certezza di avere sempre le giuste risorse di elaborazione per stare nei tempi dettati dal business.

A moderare la serata e coordinare il movimento dei relatori è stato Michele Tanzi, il nostro Client Solution Director, che ha saputo inquadrare le nozioni matematiche, di prodotto e tecnologiche in un unicum comprensibile e produttivo per l’attenzione del pubblico selezionato che ha gremito la sala.

L’evento è terminato con un raffinato cocktail e tanto networking acceso dall’interesse per una ottimizzazione di portafoglio non comune e che sicuramente cambia il livello di servizio disponibile sul mercato. Grazie a tutti quelli che hanno lavorato per il successo della serata e a tutti i nostri invitati!

Un momento dell’evento e ottimizzazione del portafoglio

Related to this story: