Conectus: la via alla trasformazione digitale del Wealth Management

È venuto anche il giorno di Conectus, la piattaforma omnicanale e multidevice che migliora la produttività dell’advisor e crea un’esperienza di investimento digitale per il cliente.

Ha fatto gli onori di casa Gianbattista Geroldi, Executive Director Objectway, che ha inquadrato la circostanza in un contesto di crescita generale dell’azienda, sul duplice asse dell’organicità e delle acquisizioni: prima di portare i riflettori su Conectus era doveroso ricordare la recente acquisizione di Algorfin e il conseguente ingresso nel catalogo di una intera nuova famiglia di prodotti. Il personale Objectway ha superato le settecento unità e ogni macrodato dell’azienda tende alla crescita.

Integrazione, empatia digitale, differenziazione

Poi è arrivato il momento di Conectus e Barbara Gentile, Product Marketing Manager, ne ha sintetizzato le caratteristiche olistiche di integrazione, empatia digitale e differenziazione che lo fanno spiccare nel panorama del settore. Pochi minuti ed era la volta di Georgios Lekkas, Chief Product Officer, con quattro storie di altrettante aziende clienti, eterogenee per struttura e scopi, che hanno trovato nella versatilità di Conectus una soluzione pratica e reale alle loro (differenti) esigenze primarie. Chi vuole crescere, chi migliorare la relazione con il cliente, chi ha bisogno di aggregare in modo efficace informazioni presenti su sistemi legacy eccetera; Conectus è fortemente personalizzabile e i dati raccontati lo hanno mostrato con ampiezza di dettagli.

Barbara Gentile presenta Conectus, strumento di trasformazione digitale del Wealth ManagementBarbara Gentile, Product Marketing Manager di Objectway.

Personalizzabile vuole forse dire versatile ma poco specializzato? Per niente. I Product Manager Nicola Pepè e Davide Ingoglia si sono alternati nel mostrare le capacità di prodotti come Client Onboarding, Investor Portal e Advisor Desk, con dovizia di dettagli. Abbiamo visto quanto possa essere semplice e immediato avviare una procedura di onboarding e quanti e quali strumenti siano a disposizione dell’advisor in modo da potersi liberare per usarlo in modo molto più efficace nel coltivare la relazione con il cliente.

Un veicolo di trasformazione digitale

Uno dei momenti più emozionanti e contemporaneamente esemplificativi del pomeriggio è stata la simulazione di colloquio tra cliente e advisor all’interno del modulo di comunicazione offerto da Conectus. Videochiamata, condivisione di schermo, calendario, scambio concordato di documenti; tutto è avvenuto in diretta tra Davide e Nicola, con la semplicità tipica delle tecnologie talmente ben funzionanti da svanire sullo sfondo, lasciando spazio all’applicazione vera e propria della tecnologia.

Trasformazione digitale con Conectus, anche tramite videochat tra advisor e cliente finaleLa videochiamata con condivisione dello schermo tra cliente e advisor: così semplice ed efficace che la tecnologia sparisce.

Lo scopo è chiaro: permettere la trasformazione digitale del business senza doversi preoccupare dei dettagli tecnici e di quelli burocratici o legali. La piattaforma semplifica ogni passo della relazione tra advisor e cliente e consente di concentrarsi sulla relazione, certi che tutto avviene in conformità alle regole e con il livello di sicurezza richiesto, dalla firma digitale alle comunicazioni.

Apertura alle tecnologie presenti e future

Come possa accadere tutto questo, come una piattaforma sia in grado di rispondere a esigenze molto varie del cliente-azienda e contemporaneamente performare a livelli di eccellenza, ridurre i costi di adozione e gestione, assicurare la conformità, lo ha illustrato il Product Architect Vittorio Teglia. Si parla di architetture aperte, microservizi, standard del web, app native, JavaScript, framework open source, sviluppo agile. Esposizione chiara per quanti con una formazione tecnica e comunque comprensibile per il resto del pubblico, che ha potuto scoprire il lavoro architetturale complesso e variegato di cui necessita una piattaforma con le caratteristiche e le ambizioni di Conectus.

Trasformazione digitale secondo Conectus lato tecnico, grazie a Vittorio TegliaLe user experience che il cliente si aspetta si moltiplicano e arrivano fino a quelle da polso.

Non finisce qui, peraltro; Georgios ha chiuso la presentazione con una panoramica delle direzioni future di sviluppo, accennando a intelligenza artificiale, elaborazione del linguaggio naturale e altre tecnologie che suonano come di avanguardia oggi ma diventeranno mainstream più presto di quanto immaginiamo.

Secondo di una serie

Conectus sarà pronto e lo abbiamo capito in modo interessante e coinvolgente. L’evento è stato ricco di partecipanti e durante il cocktail finale c’è stato networking per tutti.

Il pomeriggio è stato estremamente positivo e questi eventi, dopo quello su Portfolio Optimizer, iniziano a diventare una abitudine piacevole. Quasi quasi ne mettiamo in cantiere un altro tra qualche mese… #StayTuned

Cocktail finale dopo avere visto Conectus e le sue possibilità di trasformazione digitale

You might be interested in: