The CEO Talks: A New Semester for Objectway

Our CEO Luigi Marciano

With the first half of 2016 gone, we cornered our CEO Luigi Marciano to ask him about the state of Objectway. He couldn’t escape and gave us several answers. Here’s the first one; the second, the third, the fourth, and the fifth are following. We also make the Italian version available, under the English one. Follow us!

Objectway Desk: I fly a hundred meters high and look from the above at Objectway at work, what do I see (excluding roofs…)?

Luigi Marciano, Objectway CEO: A team full of energy, answering the challenges of international development, working to understand the market, determine how to adapt to changes, catch opportunities, give the best support to our clients and improve our team play.
In the last two year we have for sure attained a new level of performance and we can say that, while we were playing in a lower league yesterday, we’re playing in Premier League today. Challenges are consequently much more complex and this stimulates the commitment of our team.

Parla il CEO: un nuovo semestre per Objectway

Passata la metà del 2016, abbiamo messo all’angolo il nostro amministratore delegato Luigi Marciano e lo abbiamo interrogato sullo stato della nazione Objectway. Non è riuscito a eluderci e ci ha dato diverse risposte. Questa è la prima; la seconda, la terza, la quarta e la quinta sono a disposizione per ricostruire il percorso e l’ultima seguirà. Qui sopra compare la versione inglese. Seguiteci!

Redazione Objectway: Se mi alzo in volo a cento metri di altezza e guardo Objectway al lavoro (soffitti esclusi), che cosa vedo?

Luigi Marciano, Amministratore Delegato Objectway: Vedo un team pieno di energia, che affronta le sfide dello sviluppo internazionale e che è impegnato a capire il mercato, vedere come adattarsi al cambiamenti, cogliere opportunità, supportare al meglio i nostri clienti e migliorare il gioco della nostra squadra. Sicuramente abbiamo effettuato un passaggio di categoria nel corso degli ultimi due anni e possiamo dire che mentre prima giocavamo in serie B, adesso giochiamo in serie A; quindi le sfide sono molto più complesse e questo stimola l’impegno del nostro team.

Related to this story: