The CEO Talks: A New Semester for Objectway – Part III

With the first half of 2016 gone, we cornered our CEO Luigi Marciano to ask him about the state of Objectway. He couldn’t escape and gave us several answers. Here’s the third; you can read the first, the second, and the fourth if you feel like; the fifth and closing one is also available. We also make the Italian version available, under the English one. Follow us!

Objectway Desk: Are you happy with the deployment of our strategy?

Luigi Marciano, Objectway CEO: Really happy. Our strategy indeed aimed to widen our market reach outside of Italy, throughout Europe as a first step, and over the last two years we have certainly achieved significant results, by becoming a first-tier player in UK and attaining very interesting positions in twelve other countries worldwide. As a result of this expansion, today we can look at ourselves as an international player of relevant size in EMEA, with our revenues doubling and winning half of them abroad.
For the future, we plan to further push our internalization strategy, by organizing ourselves not only in developed countries but emerging ones too, where the growth of demand for innovative software solutions for investment services is steadier.

Parla il CEO: un nuovo semestre per Objectway – parte terza

Passata la metà del 2016, abbiamo messo all’angolo il nostro amministratore delegato Luigi Marciano e lo abbiamo interrogato sullo stato della nazione Objectway. Non è riuscito a eluderci e ci ha dato diverse risposte. Questa è la terza; si possono già leggere la prima e la seconda, nonché la quarta e l’ultima. Qui sopra compare la versione inglese. Seguiteci!

Redazione Objectway: Sei soddisfatto del dispiegamento della nostra strategia?

Luigi Marciano, Amministratore Delegato Objectway: Sono molto soddisfatto. Infatti la nostra stategia era finalizzata ad allargare il nostro market reach fuori dall’Italia, in Europa come primo step, e negli ultimi due anni abbiamo raggiunto sicuramente un risultato significativo diventando un player molto importante in Inghilterra e raggiungendo posizioni molto interessanti anche in altri dodici Paesi nel mondo. Quindi oggi possiamo dirci un player internazionale di dimensioni significative in EMEA, anche grazie al fatto che abbiamo raddoppiato il nostro fatturato e metà di tali ricavi proviene dal business internazionale.
Per il futuro ci riproponiamo di spingere ulteriormente sulla strategia di internazionalizzazione, organizzandoci non soltanto nei Paesi sviluppati ma anche in quelli emergenti, dove la crescita della domanda di soluzioni software innovative nell’ambito dei servizi di investimento è più sostenuta.

Related to this story: